Crea sito

FanFiction: Lupin IV #18

Capitolo 18: Il piano di Lupin IV

Lupin era fermo immobile sulla porta e stava fissando Mai dritta negli occhi , quei 10 secondi sembravano non finire più.
-Perché non mi saluti Mai!?
-Tu, Maledetto!
-Si?!
-Perché non sei venuto al nostro appuntamento?
-Scusa, ma i tuoi amici dell’Interpol avevano un’altra idea su quello che mi aspettava!
-Passiamo alle cose serie Lupin!
Certo, ho già un piano!
-Quale sarebbe?
-Te sei ricercata, ma tra noi due chi è il più ricercato?
-Tu, Arsenio. Rispose Mai
-Esatto, ora dobbiamo solo farmi arrestare! Esclamò Lupin
-Per fare cosa!? Disse Mai
-Non ci sei ancora arrivata? Ora te lo spiego. Rispose Lupin
Passò una buona mezz’ora e sotto la stanza di Mai c’era sempre l’auto dell’Interpol. Improvvisamente i due agenti di fuori, videro uscire Mai… Con Lupin in manette.

-Salve agenti! Esclamò Mai
-Vi ho portato un ricercato , posso parlare con il vostro capo?!
Gli agenti stupefatti fecero salire Mai e Lupin e si diressero verso il Quartier Generale dell’ICPO Inglese.
Sotto lo sguardo attonito di alti funzionari,detective, ispettori e lo stesso Zenigata che era stato richiamato non credevano potesse mai succedere una cosa simile! Lupin, il ladro più furbo del mondo, in manette al QG dell’ICPO.
-Capo.
-Si, agente Crash, cosa vuole?
-Fuori c’è Mai Zenigata che le vuole parlare.
-Ma siete impazziti la dovevate arrestare!?
-Ma Signore…?!
-Ma un corno, portatela in prigione!
-Ma ha arrestato Lupin! Esclamò l’agente
-Cosaaaaaaaa!???
-Falli entrare, sbrigati!!!
La porta si spalancò, Mai e Lupin entrarono.
-Salve signorina Zenigata!
-Bando ai convenevoli , stronzo!
-So che lavori per Hansen.
-Touche, ma perché mi porti questo regalo se mi odi?
-Perché rivoglio il mio lavoro!
-Discutiamone, accomodatevi.
In quello stesso momento Mai, Lupin e Stevens erano seduti uno di fronte all’altro, in un silenzio che avrebbe messo i brividi a chiunque avesse assistito.
A riaprire la conversazione fu Stevens.
-Allora, lei vorrebbe come ricompensa per la cattura di Lupin IV che la reintegrassi all’ICPO?
-Si,esatto!
-Eppure , lei non mi da l’impressione di una ragazza pronta a scendere a compressi con uno come me!
-Uno come lei in che senso?!
-Come mi definirebbero alcuni un venduto, un assassino e un traditore che lavora per dei criminali del calibro di Hansen.
Appena Stevens pronunciò quelle parole , sul faccino grazioso di Mai si dipinse un ghigno di soddisfazione e su quello di Lupin anche, Stevens non riusciva a interpretare gli sguardi, ma quando gli fu chiaro…Bussarono alla porta.
-Capo, ha bisogno d’aiuto? Disse un agente lì fuori
-Certo muovetevi, questi hanno in mente qualcosa! Esclamò Stevens
I quattro agenti entrarono e si diressero verso Lupin, che era seduto vicino al finestrone su una poltrona di cuoio.
-Stai bene capo? Chiese l’agente dai Capelli Rossi
Stevens non stava capendo bene cosa stava accadendo.
-Che succede? Chiese Stevens
-Semplice, SIAMO VENUTI A RIPRENDERCI IL NOSTRO CAPO! Esclamarono in coro
I quattro agenti si rivelarono essere Francesco,Nicol,Michelle e Alek i soci di Lupin.
-È bello vedervi ragazzi! Esclamò Lupin
-La registrazione ce l’avete? Chiese Alek
-Si.
-ORA SIAMO PRONTI PER LA BATTAGLIA FINALE! Esclamarono tutti e sei in coro.
Continua…

Translate »