Lupin III – Episode 0 – C’era una volta Lupin III

Lupin III - Episode 0: First Contact Logo

Lupin III – Episode 0: First Contact Logo

Titolo orginale:
Rupan Sensei – Episode: 0 First Contact – (ルパン三世 EPISODE:0 ファーストコンタクト Rupan Sansei – Episode: 0 – First Contact)
Creato da:
Monkey Punch
Sceneggiatura:
Shoji Yonemura
Character design:
Satoshi Hirayama
Direzione artistica:
Takashi Miyano
Regia:
Minoru Ohara
Musiche:
Yuji Ohno
Direzione della fotografia:
Kojiro Hayashi
Montaggio:
Yuriko Sano
Produttori:
Yasumichi Ozaki, Yudo Oishi
Produzione:
TMS ENTERTAINMENT, LTD.
Anno di produzione:
2002
Durata:
90 minuti

I fans di Lupin III si pongono delle domande che desiderano una risposta: quando ha cominciato la sua sfolgorante carriera? Coma ha incontrato Jigen e Goemon? Fujiko è sempre stata così sexy? Ebbene, lo scopo del lungometraggio Episode 0 è proprio quello di svelare il passato di Lupin & Co., e di raccontare alcuni dettagli fino a oggi sconosciuti. A sostenere l’intera trama, narrata tramite una serie di flashback, è l’indaggine di una giornalista che intende scrivere un libro dal titolo Il primo incontro, incentrato proprio sul simpatico ladro e sui suoi soci. Poichè l’interessato pare riluttante a raccontare di sè, ma al contempo molto ben disposto a sedurre la bella intervistatrice, questa si rivolge a Jigen. Così, in un bar di New York, tra loschi individui che giocano a biliardo o sorseggiano whisky, il pistolero dal cappellaccio nero comincia a snocciolare ricordi. Molti anni addietro era al servizio di un boss locale, tale Gaves, a cui un ancora poco noto Lupin III intendeva sottrarre un prezioso tesoro. I due, quindi, si sono incontrati come rivali e hanno dato vita a una furibonda sparatoria che non ha lasciato sul campo nè vincitori nè vinti. Ben presto è entrata in gioco Fujiko, che sfruttando le sue doti di seduttrice, già sviluppatissime, ha incantato Lupin allo scopo di raggirarlo. Anche Goemon, abbandonato il dojo giapponese in cui si allenava con la katana, è giunto sul posto e si è scontrato con Lupin. Ma cosa cercavano tutti quanti tra i grattacieli della più famosa città americana? Il loro abbiettivo era lo Scrigno di Ermes, un cilindro realizzato in un metallo apparentemente indistruttibile, al cui interno doveva essere contenuta una formula alchemica relativa al metallo stesso. Una sorta di paradosso materiale, quindi, che avrebbe reso ricchissimo chiunque fosse riuscito a risolverlo. Non poteva mancare Zenigata, sbarcato in territorio Usa alla ricerca di un malvivente. All’epoca, infatti, il beffardo ladro in giacca rossa non gli era ancora noto, ma il poliziotto ha imparato presto a conoscerne le gesta… Tutto questo è narrato con grande fliudità e con un disegno moderno, pulito e realistico, Episode 0, nato per festeggiare i trent’anni della prima serie televisiva di Lupin III, è uno dei lungometraggi più riusciti tra quelli dedicati al noto personaggio. Tra gli aspetti maggiormente curati vi sono gli sfondi. La città di New York, che fa da palcoscenico a quasi tutta la vicenda, è infatti rappresentata attraverso suggestivi squarci, drami e notturni, attraverso i quali svela i propri aspetti violenti ma anche quelli malinconici e affascinanti. La pellicola risulta meno umoristica di altre, ma non mancano alcune situazioni divertenti, tra le quali una in particolare merita di essere segnalata, potendo sfuggire allo spettatore occidentale. nel suo primo viaggio negli USA, Zenigata litiga a più riprese con i taxisti locali, relativamente all’apertura e chiusura delle portire delle auto. In Giappone gli sportelli posteriori vengono azionati automaticamente, tramite apposito comando, da chi è alla giuda. Non essendo a conoscenza delle differenti abitudini, Zenigata considera la mancata apertura come un atto di maleducazione da parte dei taxisti! Trattandosi di un’opera che intende ricostruire il passato di Lupin, va segnalato che il film presenta alcune piccole e grandi incongruenze rispetto ad avvenimenti narrati soprattutto nella prima serie televisiva. La necessità di rendere omogenei trant’anni di avventure ha infatti portato alla semplificazione di alcuni eventi, giungendo a un risultato che potrebbe far storcere il naso a qualchè purista, ma che è probabilmente il migliore che si potesse ottenere. Insomma, complimenti a Lupin, tre devadi sulle braccia senza essere catturato da Zenigata sono veramente un recordo da giunnes dei primati!