Crea sito

Arsenio Lupin III

Arsenio Lupin IIIArsène Lupin III, italianizzato in Arsenio, (ルパン三世 Rupan Sansei?) è il protagonista della serie manga e anime Lupin III, creato da Monkey Punch (pseudonimo di Kazuhiko Katō). Lupin III è il nipote del celebre Arsène Lupin, protagonista di vari romanzi di Maurice Leblanc.

Il personaggio

Come il nonno e il padre, Lupin III è un ladro dalle innumerevoli abilità, ricercato dalla polizia di tutto il mondo, in particolare dall’ispettore Koichi Zenigata dell’Interpol. Instancabile, amichevole, spaccone, carismatico, coraggioso e talvolta impertinente, ricalca la figura del ladro gentiluomo.

Lupin sembrerebbe essere nato in Giappone da una famiglia di origini contadine, ma avendo egli stesso affermato di “aver ricevuto il primo bagno nelle acque gelide della Senna” è plausibile che sia nella realtà francese. Il nonno era sicuramente francese e aveva istituito un premio per i più abili ladri del pianeta, il Lupin d’oro, ideato per mettere a confronto i migliori ladri del mondo in una prova, che consisteva nel rubare una scatola contenente tutte le identità dei poliziotti segreti giapponesi e nascosta in uno stanzino nei sotterranei di una caserma di polizia. Inoltre, a più riprese nelle varie serie, si accenna ad antenati italiani di Lupin.

Alto 179 cm per 63 kg, è noto per l’abilità nei travestimenti, è pure abile nelle tecniche di combattimento e nell’ideare furti geniali. Nonostante ciò trasmette spesso un’impressione di stupidità, soprattutto in presenza di belle ragazze. È innamorato di Fujiko Mine, per la quale è disposto a correre ogni rischio. Nonostante sia un ladro, però, Lupin dimostra in più occasioni di essere un uomo buono e altruista (è un ladro gentiluomo), oltre che sincero e protettivo (soprattutto con Fujiko). È capitato più volte, soprattutto negli anime, che Lupin abbia rinunciato al tesoro o alla salvezza per sconfiggere il nemico e aiutare la persona da esso minacciata, o addirittura per salvare il mondo.

Lupin III possiede come pistola una Walther P38 che sa maneggiare con un’abilità inferiore solo a quella di Jigen e guida di solito una Mercedes-Benz SSK del 1928 modificata (sembra che Lupin le abbia fatto montare un motore Ferrari) o la sua variante ancora più sportiva, la SSKL. La SSK fu usata da molte note personalità, compreso Adolf Hitler, ed era in grado di raggiungere i 190 km/h. Ma spesso è al volante anche di una scattante FIAT 500 gialla o una Alfa Romeo Gran Sport Quattroruote del 1967. Oltre a ciò in Green vs Red guida anche una FIAT 500 del 2007, sempre gialla. In alcuni episodi meno recenti lo si è visto inoltre al volante di una Austin Mini rosa vecchio modello. Le sue sigarette preferite sono le Gitanes Caporale. Sembra che Lupin sia allergico ai pistacchi e al polpo.

Poteri e abilità

Lupin III può contare su un’infinità di gadget nella sua carriera. Intellettualmente è un grande scienziato, dispone di una profonda conoscenza nei campi della matematica, della chimica, dell’informatica, della meccanica quantistica e della psicologia, oltre che un buon inventore e conoscitore di esplosivi.

Sa elaborare piani tattici e strategici irrealizzabili per un normale ladro; molte volte si basa sul fattore sorpresa oppure attraverso azioni diversive, e altre volte intrufolandosi nei condotti di aerazione di un edificio o indossando i suoi audaci quanto perfetti travestimenti per approcci più diretti. Elabora spesso in anticipo anche piani di fuga, nel caso qualcuno riuscisse a sorprenderlo e intrappolarlo. La sua grande mente è la sua arma vincente.

I suoi riflessi e la sua agilità, come anche la sua coordinazione nei movimenti, sono paragonabili a quelli dei migliori acrobati e trapezisti. Anche se molto magro, è un combattente esperto di arti marziali (anche se inferiore al compare Goemon Ishikawa XIII). Quando si tratta di impugnare un’arma da fuoco, Lupin è anche un eccellente tiratore dalla mira infallibile, seconda solo a quella di Jigen, il suo migliore amico.

Ha dimostrato anche di essere un investigatore davvero abile, usando il suo intelletto per capire problemi complessi e per trovare indizi e prove sulla scena del crimine. È un esperto anche del travestimento ed è un eccellente scassinatore.

Un’altra abilità di Lupin è l’escapologia; molte volte lo si è visto sfilarsi di dosso manette, corde e catene che lo tenevano prigioniero alla velocità del pensiero oppure usufruendo di chiavi che nasconde nelle sue maniche.

Lupin dispone di un’indole da leader incredibile, accompagnata da un carisma e da un coraggio altrettanto incredibili.

Nomi in altri Paesi

  • Francia: Edgar de la Cambriole
  • Germania: Hardyman
  • Messico: Aramis Lupin
  • Regno Unito: Arsène Lupin
  • Spagna: Arsenio Lupin
  • Altri: Lupin the Third

Recensioni

Lupin è stato classificato come l’ottavo eroe più iconico degli anime da Mania.com. IGN l’ha invece eletto come quindicesimo miglior personaggio degli anime di tutti i tempi.

Dopo aver lasciato il suo ruolo nel franchise di Lupin nel 1980 Hayao Miyazaki ha scritto un articolo su Animage nel quale ha discusso la sua visione della serie e del personaggio. Egli ha dichiarato che Lupin era “davvero un personaggio della sua era” ma che nella progressione del franchise era stato superato dal mondo reale. Nonostante ciò Miyazaki pensava ancora con affetto ai primi giorni di Lupin.

Doppiaggio

Nella versione originale giapponese, Lupin è stato doppiato principalmente da due doppiatori: Yasuo Yamada (prima voce ufficiale, 1971-1995) e Kan’ichi Kurita (seconda voce ufficiale). È stato anche doppiato da Nachi Nozawa nel Pilot Film, da Taichirō Hirokawa nel Pilot Film televisivo e da Toshio Furukawa ne La cospirazione dei Fuma.

In Italia, invece, Lupin è stato doppiato in tutti i media da Roberto del Giudice (prima voce ufficiale, 1979-2007) e, successivamente alla morte di Del Giudice, da Stefano Onofri(seconda voce ufficiale). È anche stato doppiato da Loris Loddi nel primo doppiaggio de Il Castello di Cagliostro, da Luigi Rosa nel secondo, e da Giorgio Melazzi nel terzo doppiaggio de La pietra della saggezza.

Fonte

Translate »